Siete qui: Home »

RODEI

Le Rockies sono la patria di molteplici rodei: grandi o piccoli, si svolgono ovunque.

I rodei hanno una propria celebrazione che coinvolge intere famiglie, anche piccoli cowboy che competono per raccogliere alcuni punteggi per avanzare nella future carriera. I veterani che oramai non competono più si danno da fare con cibarie e snack: l’aspetto sociale prevale sul cibo. Poi preparatevi a qualcosa d’inaspettato, la Benedizione e la The Star Spangled Banner ove la folla é orgogliosa di stare seduta vicino. Non sorprendetevi dei discorsi patriottici sulla grandezza della nazione e sulla gratitudine per i cowboy che fanno i rodeo. E’ una celebrazione comunque coinvolgete e commovente. Quando inizia il rodeo, normalmente si svolge il mutton busting. Se non lo conoscete, coinvolge bambini piccoli che tentano di cavalcare una pecora. Se riescono a stare in groppa per alcuni secondi, allora saranno vincitori. E’ esilarante e fa entrare nello spirito del rodeo.  Quando è il turno dei ragazzini si nota subito che gli animali hanno ben più esperienza dei piccolo cowboy, ma le cadute sono la parte più divertente del rodeo. Se qualcuno riesce a star in groppa per almeno otto secondi c’è subito una grande ovazione. Fate caso ai clown, che hanno una tradizione incomparabile con ogni spettacolo rodeistico, rischiando la propria vita. Ci vuole molta fortuna e buon senso per non rischiare la vita. Senza i clown mancherebbero in fretta i bull rider. Dopo che avrete provato l’esperienza eccitante di un rodeo, pian piano vi entreranno nel sangue immagini, suoni e l’odore diventando sempre più intriganti. Vedere gli animali, sentire il tifo e catturare l’aroma degli hot dogs e del funnel cake é un’abbinata tipica al rodeo, unitamente a quella dei recinti  dei cavalli e di tori.

Certamente guardare esperti cowboy sul dorso di un animale che può pesare fino a 900 kg é abbastanza emozionante. Ma il rodeo è l’autentica esperienza dello spirito dell’Old West, dell’amicizia tra i concorrenti e della genuina emozione nell’arena. Il rodeo é uno stile di vita ed una professione per cowboy e cowgirl che viaggiano in tutto il West per guadagnarsi da vivere cavalcando cavalli selvaggi o tori, prendendo al lazo oppure acchiappando le zampe e legandole di vitelli o mettendosi alla prova in destrezza e velocità equestre con barrel racing. E’ una cosa seria: i partecipanti pagano per concorrere ad ogni rodeo, non vengono pagati, a meno che non vincano. E’ un’occupazione nata nell’epoca del Wild West, quando un’eccellente gestione dei cavalli era richiesta e necessaria in un ranch, e lo é ancora in molti posti delle Rockies. All’epoca i cowboy mostravano le proprie abilità nel cavalcare o lanciare il lazo, spesso facendo competizioni con altri. Alla fine, questi raduni si spostarono nelle cittadine per diventare maggiormente organizzati, dei veri “bucking shows,” che acquistarono fama anche grazie al Wild West Show di Cody, creato da Buffalo Bill.

Esplorate il calendario cliccando su ogni stato e scoprite i più famosi rodei da non mancare:

MONTANA | NORTH DAKOTA | SOUTH DAKOTA | WYOMING

Terminologia Rodeistica: 

  • Steer Wrestling – specialità in cui il cowboy si lancia da cavallo sulla testa del vitello, bloccandolo e facendolo ribaltare a terra (wrestling).
  • Steer Roping – specialità individuale in cui il cowboy deve prendere al lazo il vitello e farlo cadere.
  • Team Roping – specialità a coppie in cui un cowboy deve prendere al lazo la testa del vitello – “header” – mentre il compagno deve prendere le zampe – “heeler”- per bloccare completamente il vitello.
  • Rookie Bronc Riding – è la specialità del “bareback bronc riding” riservata ai “rookie”, vale a dire ai giovani alla primo anno di competizione.
  • Calf Roping – come Steer roping; lo “steer” e’ un MANZO – più grosso e anziano – mentre il “calf” e’ un VITELLO. Ma qui il cowboy deve scendere da cavallo e legare almeno tre zampe del vitello.
  • Barrel Racing – per le cowgirl, che debbono completare un percorso standard, chiamato pattern, che segue una misurazione internazionale stabilita dalle associazioni americane. I tre barili devono essere posti ai vertici di un triangolo isoscele a una distanza di sicurezza di almeno 6 metri dallo steccato (fence), cioè la recinzione dell’arena. Se l’arena è abbastanza grande i barili che formano la base del triangolo vengono posti a 18,2 m dalla linea di partenza, distanti l’uno dall’altro 27,4 m, mentre il terzo barile sarà posto ad una distanza di 32 m. Il tempo parte quando il naso del cavallo raggiunge la linea di partenza e sarà fermato quando il naso del cavallo attraverserà la linea d’arrivo. È consentita la partenza con rincorsa. Al segnale dello starter, il concorrente dovrà correre al barile sulla sua destra, girargli intorno tenendolo sulla destra, completare il giro di circa 360° e dirigersi verso il secondo barile, girandogli attorno allo stesso modo ed infine completare il percorso roteando attorno al terzo e ultimo barile. Il concorrente completerà il percorso correndo alla linea d’arrivo passando tra i primi due barili. Questo percorso può essere fatto anche al contrario, partendo da sinistra. Una penalità di 5 secondi è attribuita nel caso in cui il cavaliere perda il cappello o il caschetto nell’esecuzione della prova, oppure nel caso in cui faccia cadere un barile. Al concorrente è permesso, inoltre, di toccare il barile durante la prova, anche per impedirne la caduta. Il giudici di gara, potranno squalificare una partecipante nel caso in cui ricorra eccessivamente all’uso del frustino.

 

© Powered by Vestor Logic - COOKIE