Siete qui: Home »

CITTA’

Il North Dakota conserva tutta la sua essenza di stato meno visitato dai “turisti”: ecco il suo grande segreto!  Autenticamente selvaggio, genuinamente poco popolato e con smisurati spazi, in predominanza piatto con spettacolari cieli. Non ci sono grandi città nel  “Peace Garden State”, poiché semplicemente non ci sono state persone che ci vivono. Sono solo circa 740.000 gli abitanti complessivi che hanno messo radici in North Dakota. Questo é uno stato che premia la qualità piuttosto che la quantità! Che ama la frugalità e le pittoresche vedute, tanto da non dover perdersi in tante ciance. Le testimonianze delle sue cittadine pionieristiche sono la dimostrazione della tenacia di un passato non tanto lontano ed anche ispirazione perfetta per riflettere su cose semplici, maggiormente accessibili che in qualsivoglia altro stato ove c’é maggior densità di popolazione.

Partiamo dalla capitale Bismarck  fondata nel 1872, é stata capitale da quando lo stato fu creato dal Dakota Territory ed ammesso all’Unione nel 1889. Sorge sule sponde del Missouri River, direttamente di fronte a Mandan. Infatti le due città costituiscono la Bismarck-Mandan Metropolitan Area. Qui si erge Il North Dakota State Capitol  a nord del downtown: 19 piani in art deco, costituisce l’ edificio più alto della città con 69m di altezza.

Fargo é la sua cittadina più popolosa con oltre 90.000 abitanti, ed é anche la più eclettica, benché non sia la capitale. Balzata alla ribalta per il film omonimo premio Oscar del 1996 dei Fratelli Coen anche se in realtà la città si vede brevemente nel film. Forbes ha posizionato Fargo tra le 7 migliori piccole città d’America per iniziare un’attività imprenditoriale o una carriera professionale. 

Il passato del commercio delle pellicce nell’800 fece sorgere Pembina che conta circa 600 abitanti. Pensate: fino al 1860 fu la cittadina più popolosa del North Dakota! Al suo glorioso passato di trading post con il Fort Pembina oggi si aggiungono anche alcuni record degni di nota. E’ infatti la sede della maggior fabbrica di costruzione di pullman tanto da annoverare la Greyhound tra i maggiori clienti.

Minot é la quarta città dello stato e fondamenta dal 1886 quando James J. Hill — un manager delle ferrovie – fermò temporaneamente la costruzione della strada ferrata per il clima rigido invernale. Con tutti gli operai fermi organizzò una tendopoli in una sola notte ed é per questo che la città porta il soprannome di “Magic City”.

Grand Forks  è la terza città per numero di abitanti; insieme a East Grand Forks, un’estensione della città situata nel Minnesota, forma il centro dell’Area Metropolitana di Grand Forks, chiamata Greater Grand Forks o The Grand Cities. La zona ospita un mix incredibile di sport ed eventi, una vivace vita artistica, chilometri di percorsi ciclabili, hiking e skating e  ben sette campi da golf.

Jamestown prese nome dal Generale Thomas Rosser della Northern Pacific, che la chiamò così in onore della sua città d’origine in Virginia. La città offre una moltitudine di attività outdoor estive ed invernali. Tra le visite da non mancare: il Monumento al Più Grande Bisonte del Mondo , alto oltre 7 metri e il Frontier Village che  riproduce una comunità dell’epoca della Frontiera, con edifici originali dei coloni e pionieri.

La maggiore attrattiva per il turista in North Dakota é la cittadina Wild West di Medora . Punto di  partenza per esplorare il meraviglioso Roosevelt National Park, durante i mesi estivi (giugno – settembre) organizza un musical western pieno d’energia, canti e danze con un gran finale. Qui una visita al North Dakota Cowboy Hall of Fame a Medora

Infine come non citare Rugby: centro geografico del Nord America. Fu teatro del primi insediamento d’Europei; i suoi contadini erano talmente evoluti da usare macchinari ultra-avanzati. Vale la pena visitare il suo  Pioneer Village che annovera molti reperti in 26 edifici storici e nelle esposizioni e ove s’ammira anche il Great Northern Railroad Depot. 

© Powered by Vestor Logic - COOKIE