Fauna in North Dakota

Che cerchiate grandi mammiferi o piccolo uccelli canterini, il North Dakota é uno dei migliori luoghi del mondo per l’avvistamento della fauna. Theodore Roosevelt si dedicò alla conservazione della terra del West e con il supporto del Capo Forestale Gifford Pinchot, lavorò per preservare oltre 68 milioni di ettari, per lo più nella parte ovest degli Stati Uniti, creando Parchi e Monumenti Nazionali.

Il North Dakota ospita il Theodore Roosevelt National Park, le cui due unit (North e Souht) sono dimora di:

  • Avifauna: oltre 186 specie di uccelli vivono o transitano nel Theodore Roosevelt National Park.
  • Mammiferi: grandi animali pascolano nel parco. Bisonti, cavalla, cervi, cervi dalla coda bianca e cervi mulo, antilocapre e piccoli roditori quali il cane delle praterie – prairie dog – condividono lo spazio del parco.
  • Rettili: numerose varietà di serpenti e lucertole convivono nel clima semi-arido dell’ovest del North Dakota.

Il North Dakota vanta 63 riserve nazionali di fauna selvatica : più di qualsiasi altro stato. Queste coprono oltre 117.000 ettari. Inoltre ci sono 11 zone paludose con oltre 117.000 ettari con produzione di uccelli acquatici.

Il bisonte americano pascola liberamente all’interno del Theodore Roosevelt National Park.

Vicino a Medora, la South Unit del parco é dimora di 300 bisonti, che pascolano negli oltre 18.000 ettari di parco. La North Unit invece, di oltre 9.000 ettari, annovera 150 bisonti. Se non fosse stato per la lungimiranza di uomini quali Theodore Roosevelt, il bisonte si sarebbe potuto facilmente estinguere. Attenzione e tentativi per proteggere il bisonte iniziarono nel 1776, ma fu solo nel 1894 che nacque la prima legge federale a protezione dell’animale. Il National Buffalo Museum di Jamestown mantiene una mandria di bisonti e conduce programmi divulgativi, condividendo la missione di promuove l’industria del bisonte e dando alla cittadina la caratteristica di “Buffalo City”.  Il museo e la mandria di bisonti si trovano a Frontier Village. La mandria di bisonti è di 30 capi ed includeva anche un bisonte albino, White Cloud di estrema rarità recentemente scomparso. 

E’ possibile programmare tour d’avvistamento della fauna selvatica nel North Dakota, che includono  ovviamente alcune delle  più significative riserve naturali dello stato.


Itinerari

1° GIORNO

Tewaukon National Wildlife Refuge  – Offre diverse opportunità ricreative per gli amanti dell’outdoor.  Tra le attività: pesca, birdwatching e safari fotografici. Il Lake Tewaukon é a soli 8 km a sud di Cayuga sulla County Road 12.

Chase Lake National Wildlife Refuge – E’ stata una delle prime riserve degli USA per ordine del Presidente Theodore Roosevelt nel 1908. E’ stata dichiarata dall’ American Bird Conservancy “una delle 500 Più Importanti Aree dell’Avifauna della nazione”. Si entra solo a piedi e sono richiesti permessi speciali. Chase Lake é parte di Birding Drives Dakota , comprendendo una grande porzione del central North Dakota.

2° GIORNO

Sullys Hill National Game Preserve – E’ sulla sponda meridionale di Devils Lake. La riserva è di 677 ettari con prateria e colline boschive, ospita un vasto assortimento di fauna selvatica che comprende: uccelli migratori, bisonti, cervi e cani della prateria (prairie dogs). Il Presidente Theodore Roosevelt definì originalmente Sullys Hill quale Parco Nazionale nel 1904. Nel 1917 e 1918, cervo, bisonte e cervo dalla coda bianca furono reintrodotti a Sullys Hill, in precedenza infatti erano stati eliminati a causa della caccia senza restrizioni da parte dei coloni. Nel Mrazo 1931, il Congresso affidò Sullys Hill al National Wildlife Refuge System affinché potesse gestirlo quale riserva e luogo protetto per animali selvatici ed uccelli.

Clark Salyer National Wildlife Refuge – Una riserva di 23.000 ettari lungo il fiume Souris River nel nord North Dakota centrale. Si stende verso sud dal confine canadese per almeno 72 km ed é la più ampia riserva del North Dakota. I tipi diversi di habitat – pascolo misto, praterie, valli fluviali, marcite, sabbia e boschi, sostengono un’abbondante varietà di fauna selvatica.

3° GIORNO

Upper Souris National Wildlife Refuge  – Fu creato negli anni ’30 quando la siccità colpì le Great Plains e decimò la fauna acquatica. La popolazione di anatre si ridusse al minimo, ed i conservazionisti promossero nel 1934 la Duck Stamp Act al Congresso, richiedendo ad ogni cacciatore di acquistare ogni anno un Federal Duck Stamp. Nel 1935 si usarono questi introiti per comprare tre riserve, inclusa Upper Souris National Wildlife Refuge sul Souris River.

Lostwood National Wildlife Refuge – Fu ufficialmente nominata quale una delle America’s top 500 Globally Important Bird Areas (IBA) dalla American Bird Conservancy, riconoscendone il significato nel continuato sforzo di proteggere gli uccelli selvatici nel proprio habitat.

Lake Ilo National Wildlife Refuge – Si trova nel west-central North Dakota ad 1,5 km ad ovest di Dunn Center sulla State Highway 200. La riserva é attualmente una stazione con personale dell’ Audubon National Wildlife Refuge Complex. S’estende su 1632 ettari di prateria, pascolo e lagune. La parte superiore é caratterizzata da colline ondulate e terrazzamenti con ruscelli. Le estati sono calde, con occasionali temporali e gli inverni freddi, influendo su flora e fauna.

4° GIORNO

Theodore Roosevelt National Park  – La North Unit possiede 22 km di strada scenografica dall’entrata ad Oxbow Overlook, con curve e segnaletica informativa lungo il percorso. Viaggiando si vedono molteplici sentieri per camminate. Alcuni sono autonomi con brochure che aiutano a comprendere meglio il parco. La South Unit ha una strada di 57 km con un tour scenografico e piazzole panoramiche con pannelli informativi.