Best of West – 22 gg/21 notti

Ammirare e vivere il West delle Rocky Mountain in moto, in auto o a bordo di una motorhome é un’esperienza di viaggio decisamente unica. Il noleggio dei veicoli su strada é disponibile presso i maggiori hub aeroportuali. Il viaggiatore può poi usufruire dei molteplici campeggi, bungalow, ranch ed alberghi diffuse in tutta la regione. Questo itinerario non deve necessariamente vantare servizi di lusso: può essere combinato con autentici e genuini elementi dell’ospitalità Western style.

1° Giorno:

Con il volo atterrate in una delle città porta d’accesso della Regione Rocky Mountain: DENVER, Colorado. Scoprire questa città “Regina” delle praterie e delle Rocciose, tra le più belle del nord-ovest, popolata prevalentemente da giovani, piena d’energia frizzante, capitale della birra in America, immersa nel verde, contornata dalle montagne. Pernottamento a Denver, CO

2° Giorno: Denver

La città conserva alcuni gioielli museali che sono un’ottima introduzione all’esperienza del West. Segnaliamo il Denver Art Museum, un edificio in titanio disegnato dal celeberrimo Daniel Libeskind, con annessa la vecchia ala disegnata da Giò Ponti. La sua collezione d’arte d’Indiani Americani vanta oltre 18.000 pezzi rappresentativi delle tradizioni di tutte le tribù degli Stati Uniti e del Canada.Denver ha un’anima western: molto è rimasto negli edifici e nei musei, che testimoniano la storia degli eroi del passato, quando nella regione fu scoperto l’oro e Denver divenne un sorta di terra promessa per minatori, cowboy ed avventurieri. Rockmount Ranch Wear –nel centro città nel quartiere LoDo – non si può mancare: ogni centimetro del vecchio negozio con il suo scricchiolante pavimento di legno e le parti di mattone a vista, è stracolmo di camice, cappelli e stivali da cowboy ed altri indumenti Western. E’ proprio qui che furono inventate le famse camice col bottoncino automatico!E’ significativo che uno dei personaggi più rappresentativi della frontiera, Buffalo Bill Cody, sia sepolto lungo le pendici della Lookout Mountain, dalla quale si gode una panoramica su Denver e sulle Grandi Pianure. Il Buffalo Bill Museum & Grave racconta con immagini e parole la sua straordinaria vita di esploratore, di militare, di cacciatore di bisonti e di uomo di spettacolo che ideò Il famoso Wild West Show. Vicinissimo trovate per trascorrere una serata invidiabile l’Anfiteatro Red Rocks é una delle maggiori attrattive da non mancare durante un soggiorno nella capitale del Colorado. Fenomeno geologico ma anche unico anfiteatro naturale con acustica perfetta esistente al mondo. Per ROLLING STONES Magazine: il nr.1 negli USA, battendo il Madison Square Garden e l’Hollywood Bowl.D’estate da Giugno a Settembre concerti LIVE! Pernottamento a Denver, CO

3° Giorno, Denver-Laramie, Km 230:

iniziate la vostra giornata puntando verso il nord per raggiungere Cheyenne, capitale dello Stato del Wyoming, il Cow Boy State per eccellenza. Il Terry Bison Ranch ospita una mandria di 3.000 bisonti e offre tour guidati. Una vera esperienza gastronomica Western é il chuckwagon dinner che precede un tour dell’allevamento di bisonti. Non mancate di visitare comunque l’Old West Museum per approcciarvi immediatamente ad una tradizione Western di indubbio fascino quale il Rodeo. Qui il più grande rodeo del mondo che si svolge tradizionalmente nell’ultima decina di luglio è magnificamente illustrato: Cheyenne Frontier Days, una manifestazione tra le più antiche e genuine degli Stati Uniti. Sempre in tema Western, passeggiando per il downtown cittadino effettuate un itinerario di stivale da cowboy in stivale da cowboy…: la città è disseminata di gigantesche sculture che rappresentano l’iconico Cowboy Boot, decorato da artisti locali.Proseguite il vostro viaggio verso ovest sulla Interstate-80 verso Laramie, la città che é sede della University of Wyoming, ed è rappresentativa di una radicata tradizione Western. Per catturare l’epopea del West basta recarsi  alla Wyoming Territorial Prison ove fu incarcerato Billy The Kid e all’ Old West Park. Pernottamento a Laramie, WY

4° Giorno, Laramie-Jackson Hole, Km. 610:

mettetevi in strada alla volta di Rawlins ove potrete visitare il Wyoming Frontier Prison ed il Carbon County Museum prima di raggiungere Riverton. La località giace incastonata nella catena montuosa Wind River Range, ed é parte integrante della Riserva Indiana degli Arapaho e Shoshone. Immancabile l’approccio alla cultura dei Nativi Indiani d’America con una visita al meraviglioso Wind River Heritage Center che conserva testimonianze autentiche delle tribù. Gettate anche un occhio al Wind River Casino.Il viaggio continua per Jackson Hole, la valle che accoglie due distinte comunità: la cittadina di Jackson e di Teton Village, oltre al grandioso Grand Teton National Park. Esplorate Jackson con i suoi marciapiedi di legno, la piazza centrale che presenta quattro archi completamente costruiti con corna di cervo: tutt’intorno graziosi negozi unici con articoli Western, accessori, abbigliamento, gallerie d’arte Western e autentici saloon. Un’esperienza con la natura selvaggia e la ridondante bellezza paesaggistica é disponibile effettuando un Wildlife Safari per l’avvistamento dalla fauna oppure visitando il National Elk Refuge; qui la maestosa fauna delle Rocky Mountain é nel suo ambiente originale, libera, allo stato brado. Infine: trascorrete una serata Western, inforcando una delle selle del Million Dollar Cowboy Bar o passando la serata al Silver Dollar Bar che si trova all’interno dello storico albergo Wort Hotel, un Historic Hotel of America. Pernottamento a Jackson

5°Giorno:

Dopo colazione, magari alzandoci un po’ presto, dedicate la vostra giornata alla scoperta del Grand Teton National Park, giusto a pochi chilometri a nord di Jackson. Prima vi accedete e meglio è: la fauna é maggiormente avvistabile durante le primissime ore del mattino. Questo Parco Nazionale è circondato da spettacolari montagne che si riflettono nei suoi laghi alpini: è talmente bello tanto da essere stato fotografato così spesso proprio perché iconico.Pernottamento al Grand Teton National Park

*Nota: Gli alloggi all’interno del Parco  di norma si riempiono molto in fretta: sinceratevi di prenotare con mesi di ampio anticipo

6° Giorno, Jackson-Yellowstone Nat.Park, WY Km. 160:

nuovamente alzatevi presto per affrontare l’esperienza del primo Parco Nazionale creato in America: Yellowstone National Park. Il suo territorio vastissimo è grande quanto la regione Lombardia, pertanto si necessità di molto tempo per poter esplorare alcune sue porzioni. Entrate nel parco accedendo dall’entrata a sud.Non mancate di visitare alcuni dei luoghi più carismatici: l’ Old Faithful – geyser incredibilmente scenografico che da spettacolo regolarmente ed è circondato da altrettanti geyser minori. Si trova accanto al più bel lodge del Parco che porta lo stesso nome. Proseguite per il versante orientale fino a raggiungere lo splendido gigantesco Yellowstone Lake ove sorge un altro alloggio del Parco, direttamente disposto lungo le sponde del lago. Attraversando le Valli Lamar e Hayden vi immergerete in tutta la possenza della natura dello Yellowstone, avvistandone anche la fauna. Raggiungete il Grand Canyon of the Yellowstone con la meravigliose cascate Lower Falls. Infine raggiungete le vasche termali di Mammoth Hot Springs adiacenti all’omonimo hotel. Pernottamento allo Yellowstone National Park

*Nota: Gli alloggi all’interno del Parco  di norma si riempiono molto in fretta: sinceratevi di prenotare con mesi di ampio anticipo!

7° Giorno, Gardiner-Butte, MT, Km.260:

Uscite dal parco attraverso l’accesso di Gardiner, Montana e dirigetevi verso la cittadina famosa per i suoi allevamenti di bestiame Bozeman. Anche qui sorge la Montana State University; la città é relativamente grande ed attira fin dalle sue origini gente da tutti i poli del paese, creando un interessante miscela di culture eclettiche.Una visita veramente da non mancare è al Museum of the RockiesDopo l’esplorazione di Bozeman, andate alla scoperta delle città fantasma dell’poca delle corsa all’oro ed all’argento: le due cittadine minerarie del vecchio West Virginia City e Nevada City, mantenute impeccabilmente grazie ad accurati restauri, riflettono esattamente il boom pionieristico e della migrazione in cerca dell’oro, avvenuto nel Montana nel tardo 1800.Raggiungete poi Butte, altra città mineraria che ebbe grande fortuna con l’estrazione del rame. Pernottamento a Butte

8° Giorno, Butte-Missoula, MT, Km. 190:

Puntate la rotta verso Philipsburg dove in mattinata proverete l’esperienza di trovare I famosi autentici zaffiri del Montana! Poi proseguite alla volta della città di Missoula, disposta lungo le rive fluviali.Incastonata nelle Northern Rockies del Montana, circondata da ben sette aree forestali ed alla confluenza di tre fiumi, Missoula é la vera ispirazioni per gli amanti dell’outdoor.Pernottamento a Missoula

9° Giorno, Missoula-Kalispell, MT, Km. 195:

al mattino lasciate Missoula per entrare nella regione settentrionale Glacier Country. A 150 km. a nord della città viaggerete affiancando le acque cristalline del grande lago alpino Flathead Lake, nel centro della Riserva Indiana omonima: qui potete rilassarvi sulle sue sponde. Le vicine comunità di Kalispell e Whitefish sono la porta d’accesso all’entrata occidentale del Glacier National Park, offrendo uno spirito vivace, tante attività outdoor adatte ad ogni stagione dell’anno ed un incredibile scelta di ristoranti, negozi, gallerie d’arte e birrerie.Pernottamento a Kalispell o Whitefish

10° Giorno, Kalispell – West Glacier, MT, Km.53:

la visita al Glacier National Park richiede che vi alziate presto.L’entrata occidentale del parco è adiacente a Kalispell, Whitefish e Columbia Falls ed offre accesso alla zona del Lake McDonald, alla sede centrale del Parco Nazionale – Park Headquarters – ed all’Apgar Visitor Center. E’ anche il punto occidentale della famosa strada scenografica, l’unica che attraversa il parco delle due direzioni di marcia,  Going-to-the-Sun-Road. Da Kalispell, imboccate la Highway 2 north verso West Glacier (circa 53 km.).Pernottamento al Glacier National Park

*Nota: Gli alloggi all’interno del Parco  di norma si riempiono molto in fretta: sinceratevi di prenotare con mesi di ampio anticipo!

 

11° Giorno, East Glacier – Great Falls, MT, Km.310:

uscite dal Parco tramite l’accesso ad est e prendete la direzione di Great Falls, cittadina autenticamente Western che si trova alle pendici del Front Range delle Rocky Mountain del Montana. Tra le più famose attrattive della zona di Great Falls, l’avventurosa e vasta foresta Bob Marshall Wilderness oppure il Giant Springs State Park; da non mancare il Charles Russel Museum abitazione studio del famoso pittore e scultore dell’epopea del West Charles Russell, che visse l’esperienza diretta dei Nativi d’America e il centro Lewis & Clark Interpretive Center, dedicato ai primi grandi esploratori del Passaggio a Nord Ovest. Pernottamento a Great Falls

12° Giorno, Great Falls-Billings, MT, Km.650:

La cittadina di Billings vi attende in mattinata, nel versante meridionale dello Stato. E’ la più grande città del Montana e si trova sulle rive dello Yellowstone River, che si getta nel più grande Missouri River in North Dakota.Billings ha un downtown veramente vivace con deliziosi ristoranti e birrifici, uno accanto all’altro. Esplorate nelle immediate vicinanze l’unica vera e reale evidenza del passaggio degli esploratori Lewis e Clark al Pompey’s Pillar, oppure – sempre in tema di intaglio e disegni nella roccia – scoprite il Pictograph State Park con le sue testimonianze preistoriche. Sempre nei pressi di Billings si trova uno dei massimi tesori a testimonianza della storia del West: Little Bighorn Battlefield National Monument. Ci si incammina in questo vasto territorio di colline e praterie, calpestando i luoghi nei quali si scatenò una delle battaglie storiche tra Indiani Nativi Lakota, Cheyenne ed Arapaho ed il 7° Cavelleggeri comandato dall’infame generale General George Armstrong Custer che qui fu sconfitto e perse la vita.Pernottamento a Billings

13° Giorno,Billings MT – Cody WY, Km.170:

Percorrendo 110 km. della spettacolare strada panoramica Beartooth Scenic Highway, considerata in assoluto la più affascinante d’America, raggiungete la piccolo località Montana di Red Lodge.Viaggiate tra il confine dei due Stati Montana e Wyoming per entrare nel Wyoming in direzione della città di  Buffalo Bill, Cody. A soli 80 km ad est dello Yellowstone National Park, Cody é la cittadina originale create e costruita dal leggendario uomo dell’Old West, nonché showman Buffalo Bill Cody. Ci si può perdere letteralmente per ore ed ore in una visita accurate alle 5 esposizioni conservate al grandioso Buffalo Bill Center of the West, un complesso museale straordinario, affiliato allo Smithsonian. Qui lasciatavi trasportare dallo spettacolo dalla sparatoria di fronte all’Irma Hotel, sempre costruito da Buffalo Bill Cody, o dall’entusiasmante serata ad uno degli spettacoli rodeistici del Cody Nite Rodeo che si svolgono ogni sera d’estate.  Pernottamento a Cody

14° Giorno, Cody-Buffalo, WY, Km.270:

la mattina inizia con un viaggio lungo la strada scenografica che conduce alle comunità di  Sheridan e Buffalo. Si trovano a ridosso della catena montuosa e dei passi di montagna delle Bighorn Mountains: cittadine storiche con forte sapore Western offrono la genuina ospitalità tipica dei luoghi. Le esperienze che si possono fare spaziano dalle gite a cavallo, alla transumanza delle mandrie, alla pesca a mosca nonché ad un bel soggiorno presso uno dei tanti ranch della zona. Lo storico albergo di Buffalo, Occidental Hotel trasporta l’ospite in un ambiente autentico del 1880, con tanto di saloon e musica dal vivo, nonché ristorante prestigioso con la classica cucina Western style. Trascorrete la vostra giornata scoprendo questa zona e la sue deliziose piccola comunità.Pernottamento a Buffalo o Sheridan

15° Giorno, Buffalo WY – Deadwood SD, Km.290:

Lasciate il Wyoming nel pomeriggio per puntare la direzione verso est, alla volta dell’impressionante monolite Devils Tower National Monument, il primo vero Monumento Nazionale degli USA. Entrate quindi nel South Dakota, dirigendovi verso la cittadina dell’Old West, Deadwood. Qui trovate veramente lo spirito dei fuorilegge e dei pistoleri passati alle cronache della storia del West, da Wild Bill Hickock a Calamity Jane. Locali, saloon, case da gioco oggi animano questa affascinante cittadina. Se il tempo ve lo consente, imboccate la US Highway 14A che attraversa lo spettacolare Spearfish Canyon: una bella strada scenografica, sinuosa, con curve si snoda lungo questo canyon fiancheggiato da un fiume, da rutilanti cascate, ai cui lati si ergono possenti le granitiche montagne delle Black Hills, coperte di foreste di pini. Un vero spettacolo della natura. I motociclisti non potranno fare a meno di visitare Sturgis, sede del più grande e famoso raduno annuale ad Agosto, Sturgis Motorcycle Rally. La leggendaria storia del Rally é ben rappresentata allo Sturgis Motorcycle Museum.Pernottamento a Deadwood

16° Giorno, Deadwood-Custer, SD, Km. 90:

In mattinata prendete la US-Highway 385 verso Mount Rushmore National Memorial, simbolo imprescindibile della nazione, conosciuto da tutti per l’iconica effige scolpita nelle montagne dei Presidenti Washington, Jefferson, Roosevelt e Lincoln.A poca distanza da Mount Rushmore – solo 27 km – un’altra gigantesca scultura nelle rocce mostra il volto di uno dei maggiori protagonisti della lotta del popolo dei Nativi d’America. Il  Crazy Horse Memorial é infatti l’omaggio al grande guerriero nativo Lakota Sioux simbolo di una cultura indiana che ancora oggi vive in queste terre.Wind Cave National Park contiene le grotte sotterranee – la sesta per grandezza al mondo – con incredibili formazioni di stalattiti e stalagmiti che creano fantastiche architetture geologiche. Il Custer State Park é invece il secondo parco statale in America ed é anche la dimora di una mandria di 1.500 bisonti allo stato brado, oltre che di meraviglie della natura intagliate nelle montagne granitiche. Nelle immediate vicinanze si trova il  Jewel Cave National Monument: la seconda più lunga grotta sotterranea esistente al mondo con straordinarie formazioni geologiche tali da creare un mondo fiabesco d’incanto.Pernottamento a Custer o Custer State Park

17° Giorno, Custer-Rapid City, SD, Km.65:

la mattinata é di tutto relax al Custer State Park prima di proseguire il viaggio per Rapid City,la più grande cittadina del western South Dakota, porta d’accesso a tutta la regione delle Black Hills. La città offre interessanti musei, già visitando il The Journey Museum si ottiene uno spaccato fedele della storia geologica, culturale e delle tradizioni della regione. La città invita a deliziose passeggiate nel suo downtown costellato da statue bronzee dei Presidenti Americani, ricca di ottimi posti per bere e mangiare. Pernottamento a Rapid City

18° Giorno, Rapid City-Pierre, SD, Km. 280: 

Oggi si viaggia verso est sulla Interstate-90 puntando alla piccola comunità di Wall: qui in epoca recente, l’intuito genuinamente imprenditoriale e quanto mai pionieristico durante la Grande Depressione ha contribuito a creare il famoso Wall Drug, un tempo piccolo drug store a conduzione famigliare che ebbe la geniale idea di offrire ai viaggiatori assetati acqua fresca con ghiaccio, ed oggi è un esilarante spaccio di ottime ruspanti pietanze Western ed artigianato…altrettanto genuinamente Western.Gustate i deliziosi donuts e curiosate nei negozi prima di dirigervi verso il Badlands National Park che offre uno scenario di meravigliose panoramiche create dal vento, dall’acqua e dal territorio tipicamente calcareo ed antichissimo. Il Parco è un tesoro di geologia e reperti fossili oltre ad ospitare fauna selvatica. Una parte del Parco si trova in territorio Lakota. La strada porta verso la capitale del South Dakota, Pierre. Per gli Stati Uniti è la seconda più piccola capitale e giace adagiata sulle sponde dell’immenso grande Missouri River. Pernottamento a  Pierre

19° Giorno, Pierre SD – Medora ND, Km.545:

Da Pierre si sale a nord per toccare il vicino confine con lo stato del North Dakota e raggiungere la capitale Bismarck-Mandan, in mattinata. Anche questa capitale s’affaccia sul Missouri River che la divide in due porzioni: Bismarck e Mandan. Fate un salto indietro nel tempo con la visita alla straordinario North Dakota Heritage Center, un centro che raduna tutto il patrimonio geologico, faunistico e culturale dello stato con esposizioni molto dettagliate. Per uno sguardo alle culture primordiali dei Nativi d’America, Native American Earth Lodges a Mandan é senza dubbio un’immersione nel sistema di vita dei nativi prima dell’arrivo dei grandi esploratori Lewis e Clark .Partenza alla volta di Medora.A 200 km. circa da Bismarck-Mandan, Medora é una classica piccola cittadina dell’Old West, punto d’accesso al Theodore Roosevelt National Park. La serata è coinvolgente grazie allo spettacolo del Medora Musical che durante l’estate si svolge all’aperto, in un’ambientazione con il paesaggio dinamico del Parco sulla sfondo ed una gustosissima e tipica bistecca cotta in maniera quanto mai inedita: il Pitchfork Fondue dinner!Pernottamento a Medora

20° Giorno, Medora – Fargo, ND, Km.520:

la mattinata é dedicata alla visita del gioiello naturalistico che porta I nome del famoso presidente Americano, Theodore Roosevelt National Park. La distesa del paesaggio delle badlands accompagna perfettamente al ricordo del Presidente che nella storia Americana ha maggiormente contribuito a proteggere e conservare il patrimonio naturalistico del paese.Rientrate verso la capitale Bismarck sulla Interstate 94 per giungere a Fargo. Sulla strada breve sosta a Jamestown prima di proseguire per Fargo. Tra i punti d’interesse il Frontier Village & World’s Largest Buffalo, un’autentica cittadina pionieristica che svela anche una gigantesca statua di un bisonte di ben 60 tonnellate! Il vicino National Buffalo Museum non a caso narra la storia del Bisonte Americano. Sulla Interstate-94 si giunge a Fargo-Moorhead, proprio al confine tra North Dakota e Minnesota, Fargo-Moorhead é la città più grande dello stato ed ospita molte attrattive, tra le quali il bel Fargo Air Museum che raccoglie una collezione incredibile di velivoli. Fargo conserva una tipica tradizione nordica, propria dell’emigrazione dai paesi Scandinavi Europei e ben conservata all’Heritage-Hjemkomst Center, oltre all’omaggio al famoso campione di baseball degli Yankee, nativo di Fargo, presso il Roger Maris Museum: la storia di una leggenda sportiva.Pernottamento a Fargo

21° Giorno, Fargo ND – Sioux Falls SD, Km. 390

Rientrate in South Dakota sulla Interstate-25 per Watertown e proseguite per De Smet e visitate Laura Ingalls Wilder Homestead, che é stata d’ispirazione per la serie televisiva famosa in tutto il mondo, dai libri della scrittrice Wilder, “La casa nella Prateria”. A poca distanza da De Smet si trova la città di Mitchell ove la massima attrattiva é l’incredibile architettura tutta ricoperta da milioni di chicchi di grano: World’s Only Corn Palace, vero omaggio alla pura tradizione agricola del South Dakota. Ogni anno questo palazzo che presenta guglie a cipolla, provvede a ridisegnarne e decorarne l’esterno seguendo un tema speciale, completamente costruito da chicchi di grano!Lasciate Mitchell per Sioux Falls, la più grande città del South Dakota, dinamica comunità del sud-est dello stato, con un brillante downtown: negozi unici, ristoranti e birrerie, ma soprattutto le scroscianti cascate che si formano dal fiume Big Sioux River al Falls Park: da qui il nome della città.Pernottamento a Sioux Falls

22° Giorno, Sioux Falls SD – Minneapolis MN, Km. 430:

E’ l’ultimo giorno di viaggio nella regione della Real America prima di dirigervi in mattinata verso la città porta ‘accesso con aeroporto internazionale, Minneapolis, St. Paul & Bloomington.Tre città che formano un unicum urbano incredibilmente ricco di verde, percorsi d’acqua e laghi – tra i quali il possente Mississippi River – , tanto che Minneapolis è classificata città con sistema dei parchi #1 in tutti gli USA.  Il sistema interurbano di trasporti monorotaia leggera Green Line é un ottimo collegamento; a Saint Paul si scopre il passato della città dei gangster ed un effervescente scenario di birrifici artigianali. Infine, non può mancare una immersione di shopping all’americana a Bloomington – sede del Mall of America: 520 negozi, oltre 50 ristoranti ed un’infinita scelta di intrattenimenti tutti radunati sotto uno stesso tetto. E ricordatevi: nel Minnesota abbigliamento e calzature sono esenti tasse! Partenza da Minneapolis, St. Paul & Bloomington in serata o Pernottamento in loco.